This image is copyrighted.
logo

Workshop PPOC Canadian Imaging 2011, Canada

WORKSHOP PPOC CANADIAN IMAGING 2011, CANADA

Il clima, nonostante sia la fine di aprile del 2011, è ancora molto rigido. Il ritmo dei workshop organizzati è vivace, l’organizzazione impeccabile; sono stato invitato a partecipare per raccontare il mio approccio alla fotografia matrimonialista, in un ambito in cui diversi professionisti canadesi si confrontano sulle diverse tecniche e metodologie lavorative. Sono l’unico europeo, e forse anche per questa ragione il mio sguardo fuori dal coro cattura il mio pubblico, a cui dedico un workshop incentrato sul valore della creatività come frutto dell’ispirazione. Dal palco vedo una sala piena, con oltre 250 partecipanti, consapevole che una parte del pubblico dovrà aspettare una sessione ripetuta del mio intervento, su richiesta degli organizzatori.

Il tema: la creatività. La modalità con cui ho scelto di raccontare il mio lavoro è una commistione di aneddoti e immagini; mi dedico con attenzione alla scelta di luoghi caratteristici del Belpaese. Il percorso concettuale con cui intrattengo il mio pubblico è basato sulla costruzione di una mappa, simbolica e fisica, grazie alla quale percorrere l’Italia da nord a sud. Dalle città d’arte ai paesaggi lacustri, al mare della Liguria: i reportage di matrimonio sono l’occasione per mostrare luoghi incantevoli che caratterizzano il nostro territorio.
Il fil rouge è appunto la creatività, imprescindibile dalla formazione culturale del fotografo: cultura e creatività si uniscono all’unisono nella professione. Ogni fotografo si modifica ed evolve sulla base di fattori di relazionali e ambientali, nutrendosi delle esperienze vissute. Ogni mutamento dipende da una serie di fattori: dalla curiosità personale, al senso di emulazione, allo sviluppo tecnologico, al condizionamento esterno, alla sperimentazione, fino all’analisi critica del proprio lavoro. Tra questi elementi spicca in modo primario la creatività, intesa come ispirazione: non si tratta infatti di avere una dote naturale, ma di coltivarla e stimolarla grazie all’ispirazione personale, che può provenire dall’osservazione delle arti, dalla pittura al cinema. Oltre al tema della creatività, mi focalizzo sulle tecniche e sul linguaggio della fotografia, fornendo spunti utili al mio pubblico. Inoltre, un fotografo professionista deve conoscere le regole di base della promozione – attraverso strategie di marketing – per affrontare il mercato avvalendosi di una identità che sia caratterizzante: ecco perché mi concentro anche su questo aspetto.
In conclusione del workshop, rimando il pubblico ad un nuovo appuntamento per l’indomani: si tratta di un’esperienza pratica su come realizzare un servizio fotografico attraverso un uso attento delle luci e degli atteggiamenti dei soggetti, realizzato all’interno dell’albergo di cui siamo ospiti. Per catturare la luce migliore, l’appuntamento è per le 7.30 del mattino successivo per il Early Riser Workshop. Del Canada mi rimane un ricordo intenso; ai miei interlocutori spero che sia rimasta la suggestione dei luoghi e dei volti degli sposi, catturati nei miei reportage in tutta Italia.

Event Details

  • From: 30 ottobre 2018
  • To: 30 ottobre 2018
  • Starting at: 00:00
  • Finishing at: 00:00