This image is copyrighted.
logo

Empower your vision 2010

Non è da tutti i giorni trovarsi di fronte a 450 fotografi per 2 ore. E non è neanche facile raccontarsi come ho cercato di fare domenica 7 novembre a Riccione in occasione del mio intervento a Empower your Vision 2010. Forse perchè in fondo il mio lavoro è documentare (magari creativamente) matrimoni nei posti più disparati, non parlare a platee. Ma non solo: c’è una gran differenza tra “fare” e “raccontare ciò fai” e riuscire in entrambi non è cosa semplicissima.

Per la prima, fotografare, dopo tanti anni non devo (e non voglio) pensare troppo, preferisco lasciarmi trasportare dagli eventi di un matrimonio come farebbe una foglia al vento, concentrandomi solo su ciò che sta accadendo e reagendo a quanto ho intorno attraverso i miei click, cercando di imprimere il mio stile personale a tutto ciò che faccio. Per la seconda invece, tradurre in parole, anno dopo anno mi spingo ad affrontare gli argomenti che io, se fossi in platea, vorrei ascoltare proprio per trasformare il titolo di questo articolo da auspicio a reale possibilità: allargare e approfondire la visione che ogni fotografo ha del proprio lavoro e non solo, perchè credo non si possa scegliere di “fare il fotografo” ma piuttosto scoprire di esserlo. E un fotografo continua a essere un fotografo anche dopo l’ora di chiusura del proprio studio.
Grazie a Photosì e Album Epoca per la perfetta organizzazione, ma soprattutto grazie di cuore a voi per i tanti messaggi di incitamento che ho ricevuto.

Ci rivedremo all’appuntamento 2011.

Event Details

  • From: 1 gennaio 2010
  • To: 1 gennaio 2010
  • Starting at: 00:00
  • Finishing at: 00:00